Formazione Show: ricapitoliamo!

formazione show

Siamo giunti al capitolo conclusivo degli incontri sul tema dell’alimentazione all’interno di Show. Momenti importanti, di grande arricchimento di squadra e soprattutto in grado di ispirarci a perseguire la strada del benessere partendo dall’esercizio fisico, ma con fondamenta ben chiare nel mangiare sano.

Sfumature e dettagli che fanno la differenza tra una vita normale ed una vita vissuta al massimo delle proprie possibilità. Mangiare sano cambia le prospettive della nostra quotidianità e ci aiuta a vivere meglio.

In quest’ultimo appuntamento sono stati riannodati i fili dei tre incontri precedenti. 3 ore di confronti stimolanti con case history, interrogativi su quali sono i comportamenti che bisogna tenere nella nostra relazione con il cibo. Come nelle migliori famiglie, anche giovedì a Show intorno a una tavola imbandita, ci si è abbuffati di informazioni fondamentali e dettagliate per la nostra salute.

UN PASSO INDIETRO, 5 PREZIOSI CONSIGLI PER AVANZARE

Mangiare i cibi giusti spesso non basta per fare la differenza a tavola. Sono importanti alcuni accorgimenti, che già negli incontri precedenti abbiamo incontrato. Li riepiloghiamo in 5 comodi punti:

1) MASSIMA ATTENZIONE A COTTURA E CONSERVAZIONE

Non basta scegliere i cibi giusti per avere la certezza di mangiare in modo sano: cottura e conservazione sono step successivi sostanziali per preservare le proprietà nutrizionali dei cibi.

2) COTTURE SANE E COTTURE PERICOLOSE

Via libera a marinatura cruda, cottura al vapore, cottura in forno al cartoccio. Cautela per la cottura in padella: non è pericolosa solo a patto di controllare la temperatura. Semaforo rosso per cottura in pentola a pressione e frittura.

3) OCCHIO ALLA TEMPERATURA

In generale le cotture a bassa temperatura sono sempre da preferire per evitare di alterare le caratteristiche degli alimenti e la formazione di composti pericolosi per la salute (fenomeno che avviene in particolare superando il punto di fumo degli oli). Per questo torna utile in cucina il termometro laser.

4) CEREALI E LEGUMI: IN AMMOLLO, MEGLIO

L’ammollo di cereali e legumi non è utile solo per abbreviare i tempi di cottura ma anche come vero e proprio integratore per il nostro organismo. La fermentazione genera, infatti, prebiotici importanti

per la funzionalità intestinale.

5) PIANIFICA CON IL SOTTOVUOTO

Per ottimizzare i tempi in cucina, il metodo del sottovuoto permette di conservare in frigorifero più razioni di uno stesso cibo preparato nello stesso momento.

Dopo questo breve recap è il momento di esporre le foto dei piatti unici preparati dai nostri trainer durante la settimana appena trascorsa. Un bell’esempio di come si può mangiare in maniera sana con gusto e fantasia.

E TU IN CHI TI RICONOSCI?

Studiare storie vere, comprendere le necessità alimentari di ciascuna persona, analizzando in profondità il loro stile di vita. Poi dopo la comprensione, ecco l’azione e, infine, la soluzione. Non solo esercizio fisico, o di stile quindi, ma soprattutto praticità e risoluzioni. Come ad esempio il caso di Paolo, imprenditore che mangia spesso fuori per lavoro e si sente appesantito. Cosa può fare Paolo per non sentirsi così? Oppure come Guido, un vero fan del movimento fisico, ma che spesso si sente senza forze durante i suoi allenamenti. Una soluzione? Una bella colazione proteica e poi perché no, a ridosso dell’allenamento sgranocchiare qualche frutto secco. Veronica invece è golosa di dolci e i suoi biscotti sono pronti a rendere più godurioso il suo post cena. Anche a costo di qualche senso di colpa in più nei confronti della bilancia. Come fare per eliminare quest’ultimi, mantenendosi in forma? Sostituire i frollini con un po’ di cioccolato fondente al 75% è un’idea che si può definire azzeccata. E se proprio proprio ai biscottini non si può rinunciare? Diminuiamo la quantità pasito a pasito 😉

Come non rivedersi in Carlotta? Il cappuccino e il cornetto al mattino sono una religione per lei. Peccato che poi sia lunga arrivare a ora di pranzo senza avere fame. Chissà quanti sono come Carlotta! Una soluzione? Una bella colazione salata, proteica, in grado di far partire la giornata con lo sprint giusto, senza ricadute alle 10.30 am 😉 Elena, invece, è sempre di fretta. Vorrebbe mangiare correttamente, ma spesso come tante persone vicino a noi, divora la prima cosa che trova a portata di mano. Che peccato! Con l’aiuto di un piano settimanale e un po’ di organizzazione dei pasti, anche per Elena sarebbe sempre possibile mangiare in maniera regolare ed equilibrata. Michele, invece è l’amico che abbiamo tutti. Per lui lo spritz quando esce in compagnia è un “must”, ma perché non godersi la vita anche con un bicchiere di vino rosso fermo al posto dell’ipercalorico alcolico rosso?

Come avrete capito dai tanti esempi appena visti, è fondamentale sempre rivolgersi a professionisti come un dietologo o un nutrizionista. Dottori in grado di stilare per voi un programma dettagliato per farvi mangiare al meglio. Lo schema d’altronde lo conoscete a memoria. Cibo sano, ben cucinato, vuol dire mangiare bene, allenarsi meglio, vivere al 100% delle proprie possibilità ed essere di conseguenza più attivi, sani e felici. Un’equazione, una formula che Show ha abbracciato in tutto e per tutto da diversi anni e che con questi quattro interessanti incontri svolti nell’ultimo mese ha potuto approfondire in tutte le sue sfaccettature.

Stay tuned! Sono in arrivo gustose novità per la fine dell’anno sempre all’interno dei nostri centri!

  

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>