maria grazia show

La storia di Maria Grazia e “il bello della fatica”

Tempo di lettura: 3

Indice articolo

La storia di Maria Grazia, un inno alla “bellezza della fatica”. Una donna meravigliosa che ha scoperto all’interno di un percorso tutt’altro che scontato e ricco di piccole conquiste quotidiane, la felicità di farcela. Un’intervista a cuore aperto, una storia, quella di Maria Grazia, unica e commovente.

Perché ti sei rivolta a Show Club?

Mi sono rivolta a Show Club perché sono affetta da una malattia, la poliomelite, con la quale convivo da quando avevo un anno e mezzo. Sono arrivata qui tramite il Prof. Francesco Pacelli e, dopo aver parlato con Giorgio Leo, sono entrata in questo bellissimo mondo. La prima cosa che ho sentito quando sono entrata allo Show è stata una grande folata di energia. Quando sono arrivata qui per me è stato un cambiamento totale: sono entrata con le stampelle, pensando che non sarebbe mai cambiato nulla e invece mi è stato detto che non era così, anzi, che sarebbe andata da così a meglio. E così è iniziata una bella avventura.

Quali obiettivi hai raggiunto?

Ho cominciato a lavorare con un’energia diversa, perché mi hanno dato speranza e… sicurezza. Sicurezza che poi è cresciuta anche grazie al fatto che qui le cose accadono davvero. Pur se ci siamo posti obiettivi piccoli, man mano si sono raggiunti tutti. Nel mio caso si tratta di semplici movimenti, ma che io non avevo mai fatto in vita, come allungare l’alluce del piede o alzare la gamba di un due cm dal lettino, o ancora, riuscire a dare un piccolo calcio. Queste sono cose che possono apparire scontate ma che per me non lo sono, anzi, sono delle piccole montagne da scalare. Vedere che pian piano riuscivo a raggiungere questi piccoli traguardi mi ha dato sempre più forza, più energia e… speranza.
Quello che davvero mi piace è che allo Show arrivi all’obiettivo lavorando assieme al tuo personal trainer, all’interno di un progetto condiviso, per riuscire a raggiungere gli obiettivi. Quando li raggiungi senti di essere un’altra persona: sia dal punto di vista fisico, sia dal punto di vista umano. Mi sono divertita, ho faticato e proprio qui è arrivata la scoperta: la fatica può essere bella. Tutto avviene con gioia, la gioia di faticare. Io sono di Vicenza e vengo due volte alla settimana. Lo faccio perché ne vale la pena: non è facile, come non è scontato. Eppure venire qui non è un peso, è una gioia.

Quali sono i tuoi obiettivi futuri?

Il mio obiettivo futuro è quello di aumentare sempre più la mia autonomia nel camminare. Già ora non sento più paura nel camminare tra la folla, sensazione che invece una volta mi apparteneva. Avendo un equilibrio precario, avevo paura delle persone, di camminare tra la gente. Ora riesco a guardare avanti, in tutti i sensi, e so che migliorerò ancora.
Un altro obiettivo che mi sono posta è quello di migliorare sempre più le posizioni che assumo quando sono seduta. Una volta provavo dolore nello stare seduta, ora non ho più dolore alla schiena e alle gambe. Finché non sono arrivata qui ho sempre lavorato sull’aumento della soglia del dolore, ora stiamo lavorando assieme verso l’eliminazione del dolore. Questo è stato un ulteriore cambiamento per me: smontare quei cardini che sono dentro di me, che mi dicevano che non potevo farcela e trasformarli invece in obiettivi. Vedo su di me i cambiamenti ed è questo che mi fa andare avanti. Ripeto, non sono solo i cambiamenti fisici, sono le prospettive umane che cambiano. Che migliorano e si vedono anche dall’esterno. Tutti mi dicono infatti: “Sei cambiata da quando vai allo Show”.

A chi consiglieresti Show Club e perché?

Questa è una domanda facile, così come la risposta. Show è adatto a tutti: a chi ha 80 anni, a chi vuole migliorare la propria forma fisica e anche a chi aspira a diventare Miss Universo. Ogni persona trova il proprio spazio perché qui ognuno ha il proprio progetto, che non è uguale all’altro. Così come ognuno di noi è diverso, le persone con cui lavori sono uniche. Ecco, per me si può descrivere come uno scambio. Nel mio caso, o nel caso di altre persone che soffrono di patologie particolari, lo Show è il posto dove venire a “fare un giro” prima di andare da altri medici specialisti. Non fraintendetemi: qui non mi viene detto ne più ne meno di quello che è la realtà. Una volta che questa è ben chiara, così come sono ben chiari i miei obiettivi, sta a me scegliere, con maggiore consapevolezza, qual è la strada migliore per me. Per cambiare la mia storia, la storia di Maria Grazia.

Condividi

FAI IL PRIMO PASSO

Ti aspettiamo negli Show Club a Padova e Treviso.