superare i propri limiti

Superare i propri limiti: la storia di Alessandra

Tempo di lettura: 3

Indice articolo

Superare i propri limiti, come ha fatto Alessandra, che ha ritrovato il proprio contagioso sorriso, alzando l’asticella dei propri obiettivi e spesso dei propri risultati ottenuti. 

Perché ti sei rivolta a Show Club?

Era un periodo difficile della mia vita: avevo problemi fisici che mi stavano togliendo il buon umore e iniziava a vedersi. È stato così che un caro amico mi ha suggerito di venire a fare una prova. Non sapevo bene cosa aspettarmi e ho trovato un bell’ambiente con delle belle persone: mi son sentita accudita e ho potuto scaricare e superare i miei problemi fisici e non. Show non è una palestra – e sicuramente non è una palestra qualunque. Ciò che ho visto fin da subito è la professionalità, tangibile soprattutto nella capacità di trasformare i problemi in sfide affrontabili in modo tale da sentirsi sempre vincenti  e “spronati”, in grado di superare i miei limiti.

Quali obiettivi hai raggiunto?

Sono approdata a Show Club all’alba di un intervento medico molto impegnativo e questo mi ha aiutata ad arrivarci con maggiore serenità ed affrontarlo con un fisico e uno spirito diversi.
Ho raggiunto progressivamente un recupero fisico post intervento. Son sempre stata spronata a riuscire negli obiettivi che mi ponevo di volta in volta con proposte adattate e personalizzate in base alle mie capacità; senza mai dire: “se non ce la fai lasciamo stare”, ma trovando modi diversi per riuscirci e portare a casa il risultato. Spesso mi sono trovate a superare i miei limiti senza accorgermene. Mi sento più tonica, più forte e serena, ho ripreso un buon tono, soprattutto a livello addominale, e ho messo da parte molte paure che mi erano sorte dopo l’intervento, come quella di fare degli sforzi fisici eccessivi. Noto con piacere che riesco a fare cose sempre più impegnative, reggendole bene: questo è sempre più apparente soprattutto il giorno dopo che mi sono allenata, perché sto meglio. Sono più attenta dal punto di vista dell’alimentazione, non solo associata all’esercizio ma anche in altri momenti della quotidianità. In generale ho uno stile di vita più sano.

Quali sono i tuoi obiettivi futuri?

Il mio obiettivo è di tornare a camminare in montagna. È un obiettivo non esclusivamente legato allo stato fisico ma anche collegato al piacere di camminare in posti belli e nutrire quindi la mente. Mi piacerebbe raggiungere delle vette – in tutti i sensi – e poter affermare: “sono arrivata in cima e mi sento bene ”,”ce l’ho fatta… e ce la posso ancora fare!” In un altro tipo di struttura, nella medesima situazione, sarei rimasta a casa scoraggiata. Invece ci sono una serie di limiti che ho superato, proprio grazie al fatto che frequento lo Show. Ho cambiato il modo di pensare e fare esercizio fisico.

A chi consiglieresti Show Club?

Direi a tutti. Forse all’inizio lo vedevo adatto solo per me stessa, perché l’esigenza di “recuperare” era molto forte ed era quella sulla quale mi concentravo maggiormente, in seguito frequentando il centro e conoscendolo ho capito che è accessibile (e adatto) a tutti indipendentemente dall’età o dalle peculiarità della propria situazione. Mi capita di incontrare delle persone nello spogliatoio del club che hanno problematiche fisiche che a prima vista non avrei mai detto avessero.

Perché lo consiglieresti?

L’approccio che ho trovato qui a Show non è dedicato solo a chi vuole dimagrire, o a chi sta bene e vuole migliorare le proprie prestazioni anche se sicuramente è adatto per queste persone. Secondo me la differenza dell’approccio, quel “qualcosa in più”, si percepisce però in particolare per chi ha difficoltà specifiche. In Show ho trovato un ambiente rassicurante e un bel team di persone e professionisti, che mi aiuta e mi sprona allo stesso tempo. In ogni momento è evidente che, dai trainer alle ragazze dell’accoglienza, ci tengono ad avere un metodo condiviso. Forse questa è uno degli aspetti che mi piace di più.

Condividi

FAI IL PRIMO PASSO

Ti aspettiamo negli Show Club a Padova e Treviso.